DOMANDE FREQUENTI

immagine decorativa
Abbiamo raccolto qui sotto i dubbi più frequenti dei nostri clienti.
Speriamo ti possano chiarire le idee, ma non esitare a contattarci per approfondire qualche aspetto!
Salvatore Cameli avvocato tributarista
Salvatore Cameli avvocato tributarista

FASE DELLA RISCOSSIONE

Cos’è un’intimazione di pagamento?
L’intimazione di pagamento è un atto con cui l’Agenzia delle entrate-Riscossione sollecita il contribuente a pagare le somme indicate entro un termine preciso. Segue la cartella di pagamento e l’avviso di accertamento esecutivo e viene emessa a un anno dalla notifica di questi atti se dopo gli stessi non c’è stato il pignoramento.
Decorsi 5 giorni dalla notifica dell’intimazione l’Ufficio può procedere al pignoramento.
Dopo quanto tempo dall’intimazione di pagamento può essere emesso un pignoramento?
L’intimazione di pagamento perde efficacia decorsi 180 giorni dalla sua notifica.
Questo vuol dire che il pignoramento dovrà essere notificato entro questo termine, altrimenti, prima di procedere con l’esecuzione forzata dovrà essere emessa una nuova intimazione di pagamento.
Che differenza c’è tra una cartella e un’intimazione di pagamento?
La cartella di pagamento contiene l’ordine di pagare all’Agenzia entro 60 giorni dal suo ricevimento. La cartella precede l’intimazione di pagamento. Se il contribuente non paga entro i 60 giorni e se per un anno l’Agenzia non esegue il pignoramento, dovrà emettere un’intimazione di pagamento, prima di intraprendere nuove azioni esecutive.
Anche l’intimazione contiene l’ordine al debitore di pagare le somme non ancora riscosse, ma in un termine molto più ristretto della cartella (5 giorni). In assenza di pagamento l’Agente per la Riscossione può procedere con l’esecuzione forzata (dopo soli 5 giorni).
Cos’è un estratto di ruolo?
È un documento informatico rilasciato dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione su richiesta del contribuente/debitore che indica la situazione debitoria di un soggetto, ad un determinato momento, con riferimento a tutti i debiti affidati all’Agente per la riscossione.
L’estratto di ruolo è impugnabile?
In linea di principio, dal 2021 l’estratto di ruolo non è più impugnabile, salvo alcuni casi specifici e limitati (v. art. 3-bis del d.l. n. 146/2021), ovvero se il contribuente dimostra che l’iscrizione a ruolo può procurargli un pregiudizio:
  1. per la partecipazione a gare di appalti pubblici (v. art. 80, comma 4, del d.lgs. 18/4/2016, n. 50);
  2. compromettendo i pagamenti dovuti a suo favore dai soggetti pubblici per i pagamenti superiori a 5.000 euro (art. 1, comma 1, lett. a., del d.m. 18.1.2008, n. 40); 
  3. determinando la perdita di un beneficio nei rapporti con la Pubblica amministrazione.
Se il contribuente ha un piano di rateizzazione in corso, quante rate potrà non pagare prima di decadere dal beneficio?
Per le istanze presentate a partire dal 1° gennaio 2022 la decadenza dal beneficio si verifica al mancato pagamento di 5 rate anche non consecutive (v. art. 19 d.P.R. 602/1973), mentre in precedenza il limite era 10 rate.
Sempre con riferimento alle istanze presentate dal 1° gennaio 2022, dovrà essere dimostrata una temporanea situazione di difficoltà economica per i debiti superiori a 60 mila euro (il precedente limite era di euro 100 mila) e per i piani di dilazione fino a 72 rate.
Cosa può fare l’Agente per la riscossione se il contribuente non paga?
Se il contribuente non versa quanto richiesto nei termini previsti nella cartella (60 giorni) o nell’intimazione (5 giorni), l’Agente della Riscossione può:
  1. adottare misure cautelari, cioè imporre dei vincoli sul patrimonio del debitore (i.e. fermo amministrativo e ipoteca) per garantire il pagamento del credito;
  2. procedere con l’esecuzione forzata, cioè vendere forzosamente i beni del debitore (i.e. pignoramento mobiliare, pignoramento immobiliare, pignoramento presso terzi) per monetizzare i suoi crediti.
Si può circolare con un’automobile sottoposta a fermo amministrativo?
Se l’auto è sottoposta a fermo amministrativo con la stessa non si può circolare.
Quando un bene immobile sottoposto ad ipoteca può essere venduto?
La vendita forzata dell’immobile su cui grava un’ipoteca può essere fatta solo quando congiuntamente:
  1. l’importo del debito è superiore a euro 120.000,00;
  2. l’immobile ipotecato ha un valore superiore a euro120.000,00;
  3. sono passati almeno sei mesi dall’iscrizione dell’ipoteca ed il debitore non ha pagato/rateizzato il suo debito.
Può essere iscritta ipoteca sulla prima casa?
Sì, solo se il debito del contribuente è superiore a euro 20.000.
Cos’è un pignoramento presso terzi?
Con l’atto di pignoramento presso terzi, l’Agenzia delle Entrate – Riscossione ordina alla banca o al datore di lavoro del debitore (i c.d. terzi) di bloccare una certa somma, che dovrebbe essere pagata in favore del correntista (nel primo caso) o del lavoratore (nel secondo), per poi liquidarla direttamente in favore dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.
La banca o il datore di lavoro che ricevono il pignoramento, diventano custodi del credito pignorato finché non lo pagano all’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

FASE DI ACCERTAMENTO

Cosa accade se non si paga un avviso di accertamento?
A partire dal 2011 gli avvisi di accertamento sono immediatamente esecutivi; in altre parole, possono dar luogo ad esecuzione forzata anche senza emissione di una cartella di pagamento.
Se il contribuente non paga quanto richiesto nell’avviso di accertamento entro 60 giorni dalla sua notifica, trascorsi altri 30 giorni, l’Agenzia delle Entrate affida la riscossione di queste somme all’Agenzia delle Entrate – Riscossione che, trascorsi altri 180 giorni, potrà iniziare l’esecuzione forzata.
Cos’è un avviso bonario?
Con l’avviso bonario l’Agenzia delle Entrate informa il contribuente di aver effettuato un controllo sulla sua dichiarazione dei redditi, evidenziando eventuali imposte e contributi che non risultano pagati.
Cosa succede se non si paga un avviso bonario?
Se il contribuente non paga l’avviso bonario entro 30 giorni dal suo ricevimento l’Amministrazione finanziaria provvede all’iscrizione a ruolo ed alla successiva notifica della cartella di pagamento.
In cosa consiste l’invito a comparire?
In buona sostanza l’invito a comparire è un’anticipazione di un successivo avviso di accertamento. Con esso il legislatore tributario promuove il contraddittorio tra Amministrazione finanziaria e contribuente in una fase anteriore a quella giudiziale proprio per consentire a quest’ultimo l’esercizio anticipato del proprio diritto di difesa e scongiurare l’emissione di un successivo avviso di accertamento.
È obbligatoria la partecipazione del contribuente alla fase del contraddittorio che scaturisce dall’invito a comparire?
No, l’obbligo sussiste solo in capo all’Amministrazione finanziaria.
Se però il contribuente non risponde all’invito, successivamente non potrà avvalersi della procedura premiale di adesione, quando sarà notificato il successivo avviso di accertamento.

ANNULLA IL TUO DEBITO FISCALE

immagine decorativa

COMPILA IL MODULO: ti ricontattiamo entro 1 ora!

Raccogliamo tutte le informazioni necessarie ed entro 48 ore ti forniamo la migliore soluzione per risolvere il tuo debito.

    A quanto ammonta il tuo debito?

    Meno di 10.000€10.000€ / 30.000€30.000€ / 100.000€100.000€ / 250.000€250.000€ / 500.000€500.000€ / 1.000.000€più di 1.000.000€

      A quanto ammonta il tuo debito?

      Meno di 10.000€10.000€ / 30.000€30.000€ / 100.000€100.000€ / 250.000€250.000€ / 500.000€500.000€ / 1.000.000€più di 1.000.000€

      SEI UN COMMERCIALISTA?

      immagine decorativa
      Aiutiamo i tuoi clienti a risolvere il debito fiscale.
      dottore commercialista
      dottore commercialista
      logo di 4tax
      logo di 4tax
      immagine decorativa
      immagine decorativa
      CONTATTI
      Telefono: 06 722 78 518
      Whatsapp: 351 615 9965
      Email: 4tax.it@4tax.it
      NOTE LEGALI
      4tax S.r.l.
      Piazza Cavour 17
      00193 – Roma
      P. IVA e Codice Fiscale 16603371002
      Capitale sociale 10.000,00 euro interamente versato
      Numero Rea RM – 1665103
      Privacy e Cookie Policy